Web Marketing

seo

SEO. Ottimizzazione e posizionamento sui motori di ricerca

Cos’è un sito senza SEO? A cosa serve avere un sito internet se nessuno sa della sua esistenza? Esatto, la risposta è “niente”.

Ecco perché le attività SEO ( Search Engine Optimization ) sono un aspetto fondamentale e imprescindibile del web marketing.

Secondo il portale Internetlivestats.com nel mondo esistono quasi 1 miliardo di siti internet e oltre 3 miliardi di utenti che ogni giorno compiono circa 5 miliardi di ricerche su Google. Avere un sito fortemente strutturato con tecniche SEO efficaci è indubbiamente un vantaggio irripetibile sulla concorrenza.

Ma l’80% di questi potenziali clienti, quando effettua una ricerca su Google, non va oltre la terza pagina dei risultati. Questo significa che se il tuo sito viene indicizzato nelle prime 3 pagine di Google allora hai la possibilità di farti conoscere altrimenti sarà come avere un negozio la cui insegna non viene vista da nessuno.

Come fare perché un sito venga indicizzato nelle prime 3 pagine di Google e, ancora meglio, nella prima pagina del motore di ricerca più importante e utilizzato al mondo?

Ma essere un SEO specialist non è un  mestiere semplice.

Per approfondire l'argomento vi proponiamo un estratto di un articolo pubblicato su www.millionaire.it dove con 5 punti ispirano su come costruire un'azienda SEO.

1. Non smettere mai di sperimentare

Considera ogni consiglio al pari di un granello di sale. Sebbene, infatti, una particolare strategia potrebbe anche non funzionare per la tua azienda, ciò non significa che non funzionerà per un’altra. E viceversa, ovviamente. A sostegno di questa teoria vi sono innumerevoli esempi. Proprio per questa ragione, il consiglio di SEMrush agli imprenditori che intendono lanciarsi nella rete è di pensare con la propria testa, perché ogni business è differente da un’altro. Oltre a decidere per il proprio business con la propria testa, essenziale per costruire il DNA di ogni impresa è credere nel suo successo e soprattutto difendere le proprie convinzioni.

Esistono diversi strumenti, software e tecnologie in grado di far funzionare meglio un’impresa ma non faranno mai il lavoro per l’impresa. Esattamente come un essere umano, ogni azienda ha un DNA unico ed è su quello che deve costruire le sue basi.

2. Sii sempre avido di conoscenza

All’imprenditore del futuro i fondatori consigliano di essere avido e soprattutto di non aver paura di essere avido. L’avidità a cui SEMrush fa riferimento non è qualcosa che possa riguardare il denaro, bensì quella che è legata alla fame di cambiare, evolversi, svilupparsi.

«Rendiamolo ancora migliore» è l’espressione che all’interno di SEMrush aleggia più spesso, rivolta non solo al software. «Miglioriamo» è il termine che ciascun membro del team rivolge a se stesso. Ed è forse proprio questa volontà ad alimentare continuamente il desiderio di lavorare duramente per evolversi.

3. Proteggi le aree vitali della tua azienda

La sopravvivenza di un’impresa può essere equiparata a quella di un popolo o di uno Stato: d’altronde, la storia insegna. Sulla migliore maniera per sopravvivere molte informazioni da cui prendere spunto giungono dalle vicissitudini della Seconda Guerra Mondiale. Sono utili anche per comprendere come portare al successo un’azienda. Durante la Seconda Guerra Mondiale diversi ricercatori aiutarono la Marina Americana a trovare una soluzione efficace per minimizzare le perdite e i danni sui bomber, procurati dal fuoco nemico. A questo scopo analizzarono i danni causati all’aereo tornato dalle missioni. Giunsero alla conclusione che per minimizzare i danni era necessario aggiungere delle armature nelle aree del velivolo in cui si evidenziavano i danni maggiori. Lo statista Abraham Wald però comprese che era sbagliato pensare di risolvere la situazione facendo leva solo sui danni causati agli aeromobili rientrati dalla missione. La ragione? Semplice. A differenza degli aerei abbattuti in missione, quei velivoli erano riusciti a tornare alla base.
Per questo propose di rinforzare le zone in cui gli aerei tornati risultavano indeboliti, perché quelle erano le aree che, se colpite, avrebbero causato la perdita dell’aereo.

Negli affari è la medesima cosa. Non fare l’errore di osservare solo le aziende che hanno successo ma guarda anche le imprese che stanno morendo, e cerca di capire perché sta accadendo e soprattutto come puoi intervenire per evitarlo.

4. Prenditi cura del tuo team

Per ottenere il successo che speri e rendere la tua azienda davvero padrona della rete, non devi pensare solo ad ampliare le tue conoscenze e a guadagnare denaro. Ciò che conta in ogni azienda sono le persone che lavorano per te. Quindi, il consiglio è: credi nelle capacità di chi lavora al tuo fianco.

SEMrush ha messo anima e cuore in tutte le attività che porta avanti da un decennio a questa parte. La passione e la voglia di migliorare è il fulcro del lavoro della società, ed è anche il modo in cui è riuscita a dar vita al suo software. Ma per SEMrush l’elemento unico e davvero distintivo è la sua squadra. Per SEMrush, quindi, ogni imprenditore dovrebbe aver cura del suo team, dare a ciascun membro della sua squadra di lavoro la libertà di agire.

5. Segui i tuoi sogni

L’ultimo suggerimento che l‘azienda fornisce a tutti gli imprenditori è di seguire i sogni piuttosto che le intuizioni. Se l’intuizione è effimera, un sogno inseguito ha contorni più chiari e definiti, certamente una conformazione più robusta e solida. Per SEMrush, in questo caso, un desiderio da realizzare costituisce il più alto livello di intuizione. Sono molte le persone che seguono in maniera inconsapevole i loro desideri: ciò che suggeriamo è di farlo deliberatamente. Per ogni decisione importante da prendere, sarebbe sempre importante porsi la domanda: “Voglio farlo veramente?”

Ciò a cui ci rifacciamo sono le teorie della natura molteplice della personalità e soprattutto del Triangolo Drammatico di Karpman: sono molto utili se intendi conoscere meglio il tuo subconscio. In particolare, possono aiutarti a dare ascolto al tuo inconscio con maggiore attenzione.


adwords

Le Campagne Adwords sono una strada verso il successo?

Campagne Adwords? chi non è mai sentito parlare? Il tema è di strettissima attualità. La semplice ma efficace definizione che Wikipedia offre ci aiuta ad addentrarci nell'argomento.

<< Google AdWords è un servizio online di advertising che permette di inserire spazi pubblicitari all'interno delle pagine di ricerca di Google. Questi annunci sono visualizzati, fino a quattro, sopra i risultati di ricerca non a pagamento, o sotto i risultati di ricerca e vengono selezionati da un algoritmo che, tra le tante variabili, tiene conto delle parole chiave ricercate dall'utente. Così facendo verranno mostrati annunci pertinenti agli scopi dell'utente, migliorando così anche l'investimento da parte delle aziende che pubblicano tramite questo servizio. AdWords è la principale fonte di remunerazione per il gruppo Google che nel 2013 ha permesso di guadagnare più di 50 miliardi di dollari. >>

AdWords è il servizio di advertising online, gestito da Google, che vende spazi pubblicitari all'interno delle pagine di ricerca di Google.

Questi spazi vengono visualizzati in alto, a destra o sotto i risultati di ricerca (a seconda della strategia concordata) e vengono mostrati all'utente in base alla ricerca effettuata dall'utente stesso.

Se un utente cerca “ristoranti di pesce a Roma”, oltre ai risultati di ricerca non a pagamento, si troverà in alto, a destra o sotto i risultati di ricerca i risultati di chi ha acquistato campagne Adwords.

Comparire in alto o a destra in una ricerca Google significa avere il 50% di possibilità in più di ricevere un clic e, quindi, un utente sul proprio sito.

È uno strumento molto efficace per fare pubblicità a livello locale e attirare i clienti con i prodotti o servizi che stanno cercando. L’aspetto più positivo è che l’inserzionista, per restare al nostro esempio il ristoratore romano, paga solo se l’utente clicca sul suo annuncio.

Tuttavia è importante precisare che su Google AdWords non è possibile pubblicizzare qualsiasi tipo di prodotto o servizio. Sono esclusi annunci che riguardano alcool e tabacchi, come il sesso e le armi; infine sono vietati in assoluto tutti gli argomenti relativi ad attività o oggetti illegali. Esistono anche delle limitazioni in base alla nazione in cui si desidera pubblicare gli annunci.

 


Email marketing

Email marketing: lo strumento imprescindibile

<<L’email marketing può essere uno dei canali più forti nel marketing, se sostenuto da una buona strategia. Ma perché una email marketing strategy è così importante?

Creare un rapporto con gli utenti è sempre più necessario e l'email marketing può aiutare a costruirne uno davvero duraturo. >> www.insidemarketing.it 

Secondo i dati forniti dall’ Email Marketing Experience Report 2015 quasi 40 milioni di italiani hanno un indirizzo di posta elettronica: la media è di 2,4 caselle di posta a persona.

L’amore degli italiani per la posta elettronica è un amore senza tempo, romantico, è un rapporto che si rinnova ogni giorno senza pause di riflessione.

Il 53% preferisce Gmail, seguono Microsoft (MSN, Hotmail, Live) con 12 milioni di caselle attive e Italia Online (Libero, Wind, IOL) con 11 milioni di caselle attive.

Le email vengono consultate nei più svariati momenti del giorno e durante le più disparate azioni quotidiane: il 55,3% degli utenti consulta la posta quando accende il pc per svago e interessi personali; il 36,8% lo fa quando è al lavoro tramite pc, il 21% preferisce farlo comodamente dal divano oppure dal letto prima di dormire e la mattina appena svegli (16%). C’è chi non rinuncia alla lettura della posta nemmeno in viaggio (7%), in coda (5%) e persino alla toilette (4,7%).

Ecco perché l’ email marketing è una delle strategie di comunicazione pubblicitaria più efficaci in assoluto: permette di entrare direttamente “in casa” dei potenziali clienti, con un messaggio personalizzato e ad altissima conversione.

Sono tantissime le aziende che utilizzano il sistema di email marketing per presentare i loro prodotti e servizi. Perché? Semplice: è meno costoso del marketing diretto fatto con materiale cartaceo e il ritorno d'investimento (ROI) è solitamente molto alto, se il lavoro viene fatto bene.

Inoltre è facile da monitorare: l’inserzionista, infatti, può tracciare gli utenti con bounce message, disiscrizioni, conferme di ricezione, click-through e ottenere in tempo reale i tassi di apertura delle e-mail, i riscontri positivi o negativi, i dati sulle vendite derivate dal marketing.