<<L’email marketing può essere uno dei canali più forti nel marketing, se sostenuto da una buona strategia. Ma perché una email marketing strategy è così importante?

Creare un rapporto con gli utenti è sempre più necessario e l’email marketing può aiutare a costruirne uno davvero duraturo. >> www.insidemarketing.it 

Secondo i dati forniti dall’ Email Marketing Experience Report 2015 quasi 40 milioni di italiani hanno un indirizzo di posta elettronica: la media è di 2,4 caselle di posta a persona.

L’amore degli italiani per la posta elettronica è un amore senza tempo, romantico, è un rapporto che si rinnova ogni giorno senza pause di riflessione.

Il 53% preferisce Gmail, seguono Microsoft (MSN, Hotmail, Live) con 12 milioni di caselle attive e Italia Online (Libero, Wind, IOL) con 11 milioni di caselle attive.

Le email vengono consultate nei più svariati momenti del giorno e durante le più disparate azioni quotidiane: il 55,3% degli utenti consulta la posta quando accende il pc per svago e interessi personali; il 36,8% lo fa quando è al lavoro tramite pc, il 21% preferisce farlo comodamente dal divano oppure dal letto prima di dormire e la mattina appena svegli (16%). C’è chi non rinuncia alla lettura della posta nemmeno in viaggio (7%), in coda (5%) e persino alla toilette (4,7%).

Ecco perché l’ email marketing è una delle strategie di comunicazione pubblicitaria più efficaci in assoluto: permette di entrare direttamente “in casa” dei potenziali clienti, con un messaggio personalizzato e ad altissima conversione.

Sono tantissime le aziende che utilizzano il sistema di email marketing per presentare i loro prodotti e servizi. Perché? Semplice: è meno costoso del marketing diretto fatto con materiale cartaceo e il ritorno d’investimento (ROI) è solitamente molto alto, se il lavoro viene fatto bene.

Inoltre è facile da monitorare: l’inserzionista, infatti, può tracciare gli utenti con bounce message, disiscrizioni, conferme di ricezione, click-through e ottenere in tempo reale i tassi di apertura delle e-mail, i riscontri positivi o negativi, i dati sulle vendite derivate dal marketing.